Pitti Uomo: sostenibilità e internazionalizzazione

Sostenibilità e internazionalizzazione al centro della 97esima edizione di Pitti Uomo il salone fiorentino dedicato alla moda uomo che è in scena dal 7 al 10 gennaio.

Il presidente di Confindustria Moda, Claudio Marenzi, intervenuto alla cerimonia di apertura di Pitti a Palazzo Vecchio ha parlato di “Industria 4.Verde, una 4.0 specifica per la sostenibilità”. Rivolgendosi al governo, il patron di Herno ha chiesto “un’attenzione specifica di incentivi, di politiche a sostegno dell’innovazione, già previste in parte con Industria 4.0”.

Studi autorevoli evidenziano ciò che accadrà nel giro di cinque anni: i maggiori department store del mondo sceglieranno sulla base delle certificazioni ambientali, almeno la metà dei loro fornitori, mentre i due terzi dei consumatori mondiali sono disposti a pagare un premio del 10% in termini di prezzo per prodotti sostenibili, a parità di qualità e stile. Gli stessi studi specificano che nei prossimi dieci anni più del 90% delle imprese investiranno in sostenibilità.

Una prima risposta è arrivata dal sindaco di Firenze, Dario Nardella, che ha lanciato un “patto fra sindaci e imprenditori della moda sulla crescita sostenibile”. “La moda ha saputo raccogliere prima di altri la sfida dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, anche in politica le città prima di altri hanno capito quanto sia decisivo sposare il progetto dello sviluppo sostenibile”.

Sul tema della responsabilità ambientale è intervenuto anche Carlo d’Inghilterra, nella veste di patrono di ‘Campaign for Wool‘. Il principe di Galles ha ribadito in un messaggio di saluto all’apertura del salone come “i materiali naturali, non provenienti da combustibili fossili, non infiammabili e naturalmente biodegradabili, abbiano un ruolo importante da giocare nell’enorme sfida del cambiamento climatico”.

pitti uomo

“Soltanto la lana fornisce rassicurazione finale di vera sostenibilità”, ha affermato il principe. “La mia speranza è che tutte le nazioni che producono lana sviluppino uno spirito di cooperazione per produrre questa fibra pratica e straordinariamente versatile”.

Il presidente di ICE, Carlo Maria Ferro, ha affrontato il nodo dell’internazionalizzazione. L’ICE – ha ricordato –  “supporta ed è partner di Pitti dal 2014 con un investimento complessivo nell’ordine del 13 milioni di euro: questa è l’edizione in cui l’investimento è il più importante nella storia della nostra collaborazione. Lo facciamo con un focus importante sull’internazionalizzazione, ci sono quest’anno 200 buyer e 160 giornalisti da 4 continenti, e lo facciamo con un’attenzione sinergica con gli altri grandi eventi della moda italiana. Cresce anche il supporto di ICE nei riguardi del settore complessivo della moda: nel 2019 gli stanziamenti per il settore sono aumentati in percentuale a due cifre e hanno raggiunto i 31 milioni di euro.

sponsored
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Ospitalità a cinque stelle all’Hilton Munich Airport

L'Hilton Munich Airport è composto da 550 camere e comprende 43 suite. Ci sono letti king-size per il riposo degli ospiti, finestre insonorizzate che offrono calma e tranquillità, aria condizionata per il clima perfetto, internet ad alta velocità e sistemi di intrattenimento intelligenti, solo per citarne alcuni

Coppa Milano Sanremo una Edizione Straordinaria

La 14ª edizione della Rievocazione Storica della Coppa Milano Sanremo si terrà dal 23 al 26 marzo 2023, riaffermandosi nel panorama delle grandi gare classiche

Domenica Group fa scalpore nel mondo immobiliare di Cipro

Per il suo premiato progetto di Best Luxury Residential Development for Elements, situato nel famoso parco dei colori, il residence si trova nel centro più alla moda di Pathos