Burberry dice addio alla plastica

Burberry dice addio alla plastica. Secondo il report New Plastics Economy Global Commitment pubblicato dalla Ellen MacArthur Foundation, ente che promuove il passaggio dei brand all’economia circolare, la maison britannica punta a eliminare, entro il 2025, le diverse forme di packaging in plastica.

Queste ultime, ha spiegato Burberry, saranno infatti riutilizzabili, completamente riciclabili o compostabili.

“Ad oggi – si legge su Wwd – l’azienda ha già eliminato la laminazione plastica dai suoi sacchetti per le vendite al dettaglio e i sacchetti in polietilene per coprire i vestiti, risparmiando così 29 tonnellate di plastica”.

 

Entro la fine dell’anno, inoltre, il marchio di lusso prevede di sostituire le grucce con opzioni eco-compatibili.

Per la griffe guidata da Marco Gobbetti quella appena annunciata non è la prima iniziativa di stampo green. Lo scorso settembre, ad esempio, Burberry è diventata la prima casa di moda a impegnarsi pubblicamente a smettere di distruggere i capi invenduti.

sponsored
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Librai Antiquari a Venezia

Dal 10 al 12 febbraio al Centro Culturale Palazzo Pisani Revedin la mostra-mercato “Librai Antiquari a Venezia” presenterà per la prima volta nella Serenissima un’eccezionale selezione di rarità

The I.C.E. St. Moritz – Torna il Concorso Internazionale d’Eleganza

Dopo il successo dell'edizione 2022, torna il Concorso d'Eleganza più originale e atteso dell'Engadina: l'I.C.E. St. Moritz, l'evento internazionale che, per un weekend, porterà nella suggestiva cornice del lago ghiacciato di St. Moritz tutto il meglio delle auto d'epoca per la gioia di piloti, collezionisti, appassionati e jet set

BRAFA 2023: grande entusiasmo per la 68a edizione di Brafa

Questa 68a edizione è stata accolta con grande apprezzamento da collezionisti e amanti dell'arte, per la qualità delle 130 gallerie internazionali partecipanti, la bellezza degli stand