Dolce&Gabbana dicono addio alle pellicce

Le creazioni di Dolce&Gabbana hanno da sempre affascinato il mondo.

Da qualche tempo però, anche un brand che ha fatto della pelliccia un suo marchio di fabbrica come Dolce&Gabbana, ha scelto la svolta del lusso sostenibile.

Sono sempre di più infatti i brand d’alta moda che stanno seguendo un approccio cruelty free, creando splendidi capi rinunciando all’uso della pelliccia.

L’annuncio è di quelli storici: a partire da quest’anno Dolce&Gabbana rinuncerà per sempre all’uso di pellicce in tutte le collezioni.

excellence magazine dolce gabbana no fur

A seguire quest’onda animalista anche un altro marchio luxury: Moncler infatti ha annunciato esattamente la stessa cosa.

Anche questa prestigiosa maison farà a meno delle pellicce a partire dal 2023.

La rinuncia alla pelliccia però, per Dolce&Gabbana, non significherà rinunciare all’artigianalità e al talento dei mastri pellicciai, che continueranno a collaborare con la maison.

Dolce&Gabbana fur free

Le parole del duo della moda per spiegare la scelta sono state chiare.

Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno infatti detto che stanno lavorando da tempo per ridurre l’impatto ambientale del brand in diversi modi.

Questa prospettiva green, naturalmente, non può di certo contemplare l’utilizzo di pellicce animali.

L’artigianalità ed il talento dei mastri pellicciai non verranno sprecati: semplicemente saranno messi a disposizione per lavorare materiali eco.

Materiali alternativi dunque, proposte vegan e cruelty free che andranno a sostituire la pelliccia animale.

excellence magazine dolce gabbana no fur

La produzione delle nuove collezioni fur free è tra le più attese sulle prossime passerelle: le fashion victims di tutto il mondo non aspettano altro che indossare le nuove creazioni, più sostenibili, del duo Dolce&Gabbana.

Il progetto si inserisce in una prospettiva di sostenibilità più ampia perseguita dal duo della moda: la pelliccia animale infatti, non solo non rispecchia canoni di sostenibilità per quanto riguarda l’origine ma anche il suo processo produttivo risulta essere tra i più inquinanti in assoluto.

sponsored
Serena Poma
A journalist ever since, I love turning the world's events into sentences and lines that can take readers "inside the news", leading them to explore the current happenings with me through my articles. My professional background has allowed me to gain insights into the encounter of two apparently incompatible worlds: luxury and sustainability. Guiding businesses in this direction as a communication manager and event organizer has made me aware that, now more than ever, it is by respecting ourselves and our planet's resources that we should start to create real value.

Related Posts

Librai Antiquari a Venezia

Dal 10 al 12 febbraio al Centro Culturale Palazzo Pisani Revedin la mostra-mercato “Librai Antiquari a Venezia” presenterà per la prima volta nella Serenissima un’eccezionale selezione di rarità

The I.C.E. St. Moritz – Torna il Concorso Internazionale d’Eleganza

Dopo il successo dell'edizione 2022, torna il Concorso d'Eleganza più originale e atteso dell'Engadina: l'I.C.E. St. Moritz, l'evento internazionale che, per un weekend, porterà nella suggestiva cornice del lago ghiacciato di St. Moritz tutto il meglio delle auto d'epoca per la gioia di piloti, collezionisti, appassionati e jet set

BRAFA 2023: grande entusiasmo per la 68a edizione di Brafa

Questa 68a edizione è stata accolta con grande apprezzamento da collezionisti e amanti dell'arte, per la qualità delle 130 gallerie internazionali partecipanti, la bellezza degli stand