Excellence Fashion Pills: Chloé e Fusalp, Veja e Rick Owens

Category:

Torniamo con la nuova rubrica Excellence Fashion Pills: un concentrato di novità di moda raggruppate in un unico articolo. L’abbigliamento sciistico diventa couture grazie alla collaborazione tra Chloé e Fusalp, mentre Veja per Rick Owens esplora l’estetica contemporanea

In comune la data di fondazione: Chloé e Fusalp sono nati nello stesso anno, il 1952, e da oltre cinquanta lustri, hanno costruito la loro identità intorno alla sperimentazione stilistica e di innovazione, diventando iconici nei propri settori d’appartenenza. Percorsi che oggi si sono intersecati per una collaborazione ad alto tasso di moda e tech. L’abbigliamento sciistico dalle elevate performance e dallo stile très français di Fusalp si è affidato infatti all’esprit sempiterno di Chloé per una capsule collection dagli echi Seventies.

La collezione skiwear celebra l’eleganza retrò in chiave tecnica e non si propone solo per le piste da sci, ma anche per contesti urbani. Il risultato di questo tandem creativo sfocia in una serie di pezzi come un piumino, una giacca a punto smock, pantaloni aderenti a vita alta, una tuta da sci e maglie color block. Guanti, occhiali da sci, realizzati in partnership con il brand Dragon, e un casco definiscono poi il mondo degli accessori.

La capsule collection è in vendita esclusiva su net-a-poter.com. A partire dal primo novembre sarà disponibile anche online e nelle boutique dei due marchi. Nuovi culti per ski lovers.

L’autunno/inverno 2020 vede protagonista un’altra collaborazione, giunta al terzo atto ormai, tra Rick Owens e VEJA. Una formula green e concettuale in una linea di sneakers che tocca le corde dei limiti del sistema moda in salsa ecologica. Peculiare, come nel dna del marchio ecologico di scarpe, è il rispetto del nostro pianeta attraverso creazioni iper sostenibili.

La Runner Style 2 è la rivisitazione della sneaker bassa proposta due stagioni fa con un’ampia ricerca di materiali riciclabili. L’intersuola è stata così realizzata con il 46% da zucchero di canna e per l’8% da olio di banana. La suola, più liscia e leggera, è composta per la prima volta da sughero naturale combinato con il 30% di gomma amazzonica e il 31% di scarti di riso.

La tomaia in V-Knit, realizzata in 100% poliestere riciclato proveniente da bottiglie di plastica, è una componente anche della Runner Style Mid: un calzino alto che intreccia la visione di Veja e quella dello stilista statunitense. In questo caso, l’intersuola biologica al 54% viene combinata con una base in sughero e promette un’ammortizzazione e rimbalzo grazie al lattice naturale. I tagli longitudinali e laterali facilitano inoltre la flessione e il comfort accompagnando piacevolmente le lunghe camminate. Cool secondo natura.

 

sponsored
Letizia Bellitti
Letizia Bellitti
Curious by nature and passionate about everything creative. I have been writing for several years, and I have always been interested in fashion and design. Writing about fashion, art and design is the best way for me to share my passion with others.

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare