Eleganza e classe senza tempo, lo stile di chi pedala Taurus

Produrre biciclette di qualità. Con questo scopo fu fondata la Taurus nel 1908. L’azienda per oltre cent’anni ha investito così tutte le sue energie con il risultato che oggi la Taurus è tra i produttori più esclusivi e prestigiosi.

La meticolosa cura delle rifiniture, l’utilizzo di materiali di alta qualità e la grande esperienza nel settore fanno delle nostre biciclette un prodotto unico ed affidabile. La Casa storica del pedale italiano dal 1908, nota per realizzazioni frutto della cultura tecnico/artigianale e dell’importanza dei dettagli, dedica attenzione ed ingegno alla produzione di biciclette classiche da uomo e da donna, ma non solo. Taurus ha affiancato alla propria consolidata produzione anche modelli di biciclette speciali, per l’utilizzo professionale, progettate per assicurare il massimo rendimento con la minima manutenzione. Diversi modelli per ogni esigenza e stile, dalla meccanica dei freni a bacchetta alla sostenibilità del movimento elettrico. Creazioni dal tratto contemporaneo che affondano le radici su una consolidata tradizione al passo con l’innovazione. Taurus infatti coniuga la tecnologia con la storicità del marchio e l’artigianalità e la qualità del made in Italy.  Sviluppando soluzioni come la pedalata assistita e l’alimentazione a fuel cell ed applicazioni come configuratori multimediali, sistemi gps ed assicurazioni tramite it solutions. Tre mesi fa l’imprenditore Fabio De Felice, già fondatore di Protomgroup, ha rilevato il marchio Taurus valorizzando persone e realizzazioni  della casa storica.

Protom è un  gruppo napoletano fondato 22 anni fa e cresciuto sino a raggiungere quota 16 milioni di fatturato e 200 dipendenti, che opera su quattro aree integrate di business: Engineering, Ict, Formazione e Pubblica amministrazione. L’integrazione delle diverse divisioni permette di progettare soluzioni innovative senza perdere l’approccio tailor-made necessario alla realizzazione ottimale di ciascun progetto. La tradizione Taurus con De Felice compie così un ulteriore passo verso l’innovazione. Al team di artigiani è affiancato il Top management: manager direzionali guidano l’azienda con una visione di ampio respiro studiando soluzioni ai nuovi bisogni per chi ama vivere gli spazi ed i luoghi sulle due ruote. E una bicicletta Taurus era e rimane una realizzazione di architettura semplice e lineare, dalle proporzioni uniche.

«Amiamo la tradizione e Taurus è un must per i cultori delle due ruote– sottolinea Fabio De Felice – così come ci piace l’innovazione. Attraverso Taurus, coltiviamo l’ambizione di unire entrambe attraverso i processi di Industria 4.0». Negli anni abbiamo rafforzato la nostra divisione IT, grazie all’innesto di un nucleo di manager e professionisti e di numerosi e brillanti giovani provenienti dal mondo universitario che hanno trovato nel nostro gruppo l’opportunità di esprimere il loro talento.Il piano industriale di Taurus è ambizioso: in tre anni De Felice investirà 6 milioni, così da far crescere il fatturato dagli attuali 2 milioni circa, a quota 10 milioni. «L’export per questo prodotto artigianale – continua De Felice – già oggi è molto importante: siamo intorno all’85% del giro d’affari. Prevediamo di svilupparlo. Il potenziale è infatti enorme: Taurus è oggetto di culto per gli appassionati di due ruote del Nord Europa».

sponsored

Related Posts

Yachting Wave of the Future: sostenibilità e zero emissioni di carbonio

Salvare il pianeta con sforzi sostenibili richiede l'appoggio di tutti. Non solo di un'azienda, di un cantiere, di un armatore o di una fondazione... E' impossibile raggiungere da soli questo obiettivo

American School of Milan, grande Successo per la Celebrazione del 60° Anniversario

Dopo tre anni di interruzioni causate dalla pandemia, festeggiare di persona è stato davvero entusiasmante! Ritrovarsi, riunirsi, condividere una serata organizzata alla perfezione hanno reso speciale l'evento

Archiproducts Design Awards e LIT premiano la creatività dell’arch. Venier

Archiproducts Design Awards e LIT premiano la creatività dell'arch. GianPaolo Venier e della lampada da esterni PIN – Urbi et Orbi