Il Ballo del Doge: Time for a New Renaissance

Le splendide finestre gotiche di Palazzo Pisani Moretta, che affacciano sul Canal Grande, torneranno a colorarsi dell’onirica magia dello spettacolo più sorprendete ed esclusivo del Carnevale Veneziano: Il Ballo del Doge.

Antonia Sautter, anima e mente dell’intrigante evento artistico giunto quest’anno alla sua XXIX edizione, allestisce per i suoi ospiti un allegorico e suadente percorso dal buio alla luce, esortandoli ad affrontare il futuro con audacia, fiducia e allegria, guidati dalla carta del JollyAntonia Sautter, anima e mente dell’intrigante evento artistico giunto quest’anno alla sua XXIX edizione, allestisce per i suoi ospiti un allegorico e suadente percorso dal buio alla luce, esortandoli ad affrontare il futuro con audacia, fiducia e allegria, guidati dalla carta del Jolly.

Il Ballo del Doge Venezia

TORNA IL BALLO DEL DOGE

Nel protrarsi di questa tortuosa evoluzione della crisi pandemica, Antonia Sautter, anima creativa de Il Ballo del Doge, scioglie le riserve e conferma la sua decisione di alzare il sipario sulla nuova edizione del gala in costume d’epoca più sontuoso ed accattivante del Carnevale veneziano.

Il Ballo del Doge

La notte del prossimo 26 febbraio a Palazzo Pisani Moretta, torna l’incanto onirico della produzione artistica ideata dalla costumista ed imprenditrice veneziana:

Scegliere di rimettere in moto una produzione artistica complessa come Il Ballo del Doge dopo la pausa forzata dello scorso anno e in questo periodo di grande incertezza, implica sicuramente un pizzico di follia

ammette Antonia Sautter, chiarendo ulteriormente le ragioni della sua decisione

in qualità di imprenditrice e costumista impegnata nella produzione di spettacoli artistici che promuovono l’alto artigiano Made in Venice, ritengo di dover dare un segnale forte di fiducia e rinascita alla mia città e ai tanti artigiani, artisti e tecnici dello spettacolo che collaborano con me da molti anni. Nell’assoluto rispetto delle norme e con minuziosa attenzione al benessere dei nostri ospiti, sono felice di dare al mondo dell’arte e dell’intrattenimento, che mi accompagna in questa avventura da lungo tempo ormai seppur in questa edizione presente in maniera ridotta, un palcoscenico su cui tornare ad esibirsi

Il Ballo del Doge

ARTE ED INTRATTENIMENTO PER UNA NUOVA RINASCITA

La conferma che la XXIX edizione de Il Ballo del Doge si terrà in presenza segna, di fatto, la rimessa in moto di una macchina artistica che interessa molti dei mestieri d’arte ed intrattenimento, sicuramente settori tra i più penalizzati dal lungo silenzio imposto dalla pandemia.

Il Ballo del Doge_Artisti

Dietro e davanti alle quinte de Il Ballo del Doge lavorano sarte, costumiste, vestieriste, scenografi, flower-designer, chef e personale di sala, maestri di palcoscenico, coreografi, fotografi, video maker, light & sound designer, bartender e runner ma soprattutto centinaia di artisti. Inoltre, tutti gli ospiti che accedono al Ballo indosseranno costumi d’epoca di alta sartoria rigorosamente confezionati a Venezia.

Il Ballo del Doge_Artisti

In questo clima di fermento, il titolo scelto da Antonia Sautter per la prossima edizione del Ballo del Doge è un’audace esortazione “Time for a New Renaissance. Si alzi il sipario, si accendano i riflettori. È tempo di rinascita!”

 IL JOLLY DELL’ALLEGRIA IN UNA NOTTE DI LEGGEREZZA

Il tema della XXIX edizione de Il Ballo del Doge è dunque la Rinascita, declinata per sotto-temi:

  • Rinascita dei mestieri d’arte, di alto artigianato e di intrattenimento, uno dei settori più penalizzati dalla pandemia, su cui puntano i riflettori de Il Ballo del Doge
  • Rinascita del Carnevale di Venezia, il gioco collettivo più malizioso del mondo, silenziato dal Covid che finalmente torna a colorare di gioia la Serenissima, invitandoci ad affrontare con fiducia il futuro
  • Rinascita di ciascuno di noi: è tempo di giocare il Jolly dell’Allegria! Perché la vita è fatta anche di leggerezza

Il Ballo del Doge_Artisti

Per celebrare l’idea di rinascita – artistica, collettiva ed individuale – ho voluto accompagnare il Ballo con un’immagine leggera, folle ma positiva e proiettata verso il futuro: ecco il Jolly seduto su un trono, che schiaccia la morte e tiene in mano il mondo. Il mio Jolly s’ispira alla carta del Matto nei Tarocchi, volta le spalle al passato e guarda al futuro senza timori, pronto a ricominciare ogni volta nonostante qualsiasi imprevisto. Se le cose si fanno con amore e spontaneità, ci dice il Matto, avranno un buon esito. Io ho deciso di non avere paura e giocarmi il Jolly dell’allegria e di invitare tutti i miei ospiti nella notte magica del 26 febbraio a Palazzo Pisani Moretta. Non voglio svelare nulla di quanto accadrà tra saloni e scalinate del Palazzo per non rovinare la sorpresa, anticipo solo che ci sarà proprio lui, il Jolly, ad accoglierli all’entrata del Ballo

Il Ballo del Doge_Artisti

Per partecipare a Il Ballo del Doge: info@ballodeldoge.com, tel.: +39 041 2413802

sponsored
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Yachting Wave of the Future: sostenibilità e zero emissioni di carbonio

Salvare il pianeta con sforzi sostenibili richiede l'appoggio di tutti. Non solo di un'azienda, di un cantiere, di un armatore o di una fondazione... E' impossibile raggiungere da soli questo obiettivo

American School of Milan, grande Successo per la Celebrazione del 60° Anniversario

Dopo tre anni di interruzioni causate dalla pandemia, festeggiare di persona è stato davvero entusiasmante! Ritrovarsi, riunirsi, condividere una serata organizzata alla perfezione hanno reso speciale l'evento

Archiproducts Design Awards e LIT premiano la creatività dell’arch. Venier

Archiproducts Design Awards e LIT premiano la creatività dell'arch. GianPaolo Venier e della lampada da esterni PIN – Urbi et Orbi