Louis Vuitton debutta a Parigi con il Primo Hotel del Brand

Louis Vuitton si prepara a debuttare nell’hotellerie con l’obiettivo di trasformare il proprio quartier generale di 400mila metri quadrati a Parigi in un complesso dedicato a hospitality e negozi.

A rivelarlo Michael Burke, Presidente e AD del marchio di lusso, che in un’intervista rilasciata a Wwd, ha dichiarato di voler trasformare gli uffici aziendali parigini in un vasto complesso che comprenderà il primo hotel a marchio Louis Vuitton al mondo e il suo più grande negozio. Secondo il  dirigente, un futuro hotel Louis Vuitton non potrà ‘minacciare’ lo Cheval Blanc, il brand hotellerie del colosso Lvmh.

Si tratterebbe di una propria identità, di un proprio segmento e di un proprio servizio: un’esperienza completamente diversa da Cheval Blanc

Il dirigente sembra, dunque, pronto ad ‘abbandonare’ il proprio headquarter. “Il mio ufficio non sarà più il mio ufficio entro cinque anni, questo è certo”, prosegue Burke. Intanto il marchio si sta preparando ad inaugurare uno spazio esperienziale dal nome Lv Dream, la cui apertura è prevista per il 12 dicembre in un locale di 20mila metri quadrati. Lo spazio rimarrà aperto per circa 365 giorni ed ospiterà una mostra con le collaborazioni del marchio, un negozio di souvenir e una caffetteria e cioccolateria gestita da Maxime Frédéric, capo pasticcere di Cheval Blanc Paris.

Questo spazio espositivo sarà visitabile per un anno e, poi, l’anno prossimo faremo qualcos’altro. Alla fine, probabilmente la maggior parte di questo edificio di 400mila metri quadrati sarà qualcosa di diverso da un ufficio

aggiunge l’AD alla testata americana.

Già da tempo la casa madre Lvmh lavora sul rinnovamento del quartiere circostante. Basti pensare che negli ultimi 18 mesi ha presentato i grandi magazzini La Samaritaine, l’hotel Cheval Blanc e l’apertura della prima filiale parigina della sua pasticceria italiana Cova. “I parigini lo stanno finalmente riscoprendo” continua Burke riferendosi al quartiere. “L’hanno abbracciato. Ora c’è musica in strada alle 23.00. Quando l’abbiamo rilevato, questa era una terra di nessuno”. E oggi il progetto è quello di attirare nell’area altri uffici, negozi, abitazioni, ristoranti e attività culturali.

“Il mio sogno era quello di creare una rinascita dell’originale centro commerciale di Parigi”, conclude Burke. “È sempre stata la visione di Bernard (ndr Bernard Arnault, Presidente e AD di Lvmh) e oggi siamo a metà strada. Ci vorranno altri dieci o 15 anni per portarlo dove vogliamo”.

sponsored
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

In Corso Venezia a Milano il Primo Atelier di Bentley Home

Lo spazio centrale è attraversato da tagli di luce e riflessi, che dalle grandi finestre irradiano sugli arredi della collezione passando per una parete completamente incorniciata da specchi

Relationship: la retrospettiva di Richard Avedon a Palazzo Reale a Milano

“Relationships”, questo il titolo della mostra, sarà visibile al Palazzo Reale di Milano fino al 29 gennaio 2023

Il piano nobile di Palazzo Reale a Milano ospita la retrospettiva di Max Ernest

Oltre 400 sono le opere tra dipinti, sculture, disegni, collages, fotografie, gioielli e libri illustrati provenienti da musei, fondazioni e collezioni private, in Italia e all’estero