The ME by Mèlia a Dubai: un Capolavoro Firmato Zaha Hadid

Category:

Vi presentiamo una delle opere più creative realizzate dal grande architetto Zaha Hadid:  il ME by Meliá a Dubai, un capolavoro architettonico all’avanguardia situato in The Opus, uno degli edifici più attesi del 2020.

ME Dubai Zaha Hadid

Questo hotel contemporaneo è stato l’ultimo progetto alberghiero di Zaha Hadid ed è una favolosa rappresentazione del lavoro della grande designer: una struttura in stile architettonico futuristico in cui gli spazi esterni e interni reinventano l’equilibrio tra vuoto e pieno.

Secondo Stefan Viard, General Manager di ME Dubai:

Questo è l’unico hotel che Hadid abbia mai progettato dalla A alla Z. Dopo la sua morte, Zaha Hadid Architects, lo studio di architettura da lei creato, è stato molto attento nell’assicurarsi che tutto fosse perfetto, così come era stato pensato

Il boutique hotel dispone di 93 camere moderne e ha ufficialmente aperto al pubblico nel mese di marzo.

ME Dubai Zaha Hadid

Le sue curve, gli angoli acuti e i colori audaci utilizzati nell’illuminazione e nel design dei mobili, non possono che meravigliare chiunque lo guardi.

Anche aree semplici come la hall e la reception sono assolutamente meravigliose, piene di elementi unici che fanno apprezzare un’estetica molto lussuosa e artistica. I disegni geometrici antagonisti di Zaha Hadid sono caratterizzati da un senso di frammentazione, instabilità e movimento.

ME Dubai Zaha Hadid

ME Dubai ha tre ristoranti di lusso – tra cui il Central progettato da Paul Bishop – e ci sono altri 15 punti di ristoro in The Opus incluso il ristorante giapponese Roka, che ha recentemente premiato a Londra.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare