We’re Smart Green Guide, la nuova guida verde per misurare la sostenibilità dei ristoranti

We’re Smart Green Guide, la nuova guida verde per misurare la sostenibilità dei ristoranti
Le stelle Michelin sono, da sempre l’unità di misura con cui si valuta la qualità di un ristorante, di uno chef e della sua brigata.
Le esplosioni di gusto fatte provare ai clienti dalle sapienti mani di cuochi provetti non sono però l’unico parametro per entrare nel regno dell’eccellenza.
L’ultima tendenza e la stella più ricercata è diventata… quella verde.

La stella verde Michelin e la cucina di lusso sostenibile

L’ultima frontiera del gusto con cui chef stellati di tutti il mondo si stanno cimentando?
La svolta veg e senza sprechi.
Per ottenere la stella verde Michelin, alcuni chef e locali stanno cercando di stravolgere le loro proposte, eliminando, ad esempio la carne rossa dai propri menù.
I palati più fini però hanno già mosso le prime critiche alle nuove stelle verdi: sembrerebbe infatti che questo titolo possa essere solo “di facciata” e nascondere quindi un mero interesse a far vedere “quanto si è green”.
Una guida molto più realistica invece, fondata nel 1989 dallo chef belga Frank Fol, assegna da uno a cinque ravanelli per valutare la sostenibilità di una cucina.
La guida si chiama We’re Smart Green Guide e ha da poco annunciato i vincitori per l’edizione 2021.

I ristoranti più sostenibili del 2021

I primi tre posti della guida green vedono trionfare locali del Nord Europa: si sono aggiudicati cinque ravanelli La Distillerie a Bourglinster, Lussemburgo, seguita da De Nieuwe Winkel a Nijmegen, Paesi Bassi, e Vrijmoed a Ghent in Belgio.
L’arte culinaria tricolore però non sfigura di certo: tre ravanelli per Piazza Duomo di Enrico Crippa, famoso per il suo grande utilizzo del vegetale; il St. Hubertus, in mezzo alle Dolomiti, dove lo chef Norbert Niederkofler promuove un concetto di cucina di montagna con ingredienti strettamente locali e Le Calandre di Rubano della famiglia Alajmo, un alto ristorante dove l’elemento vegetale è sempre stato fondamentale.
In una lista simile non poteva ovviamente mancare il Joia a Milano, di Pietro Leemann, primo ristorante vegetariano ad aggiudicarsi una stella Michelin.
sponsored
Serena Poma
A journalist ever since, I love turning the world's events into sentences and lines that can take readers "inside the news", leading them to explore the current happenings with me through my articles. My professional background has allowed me to gain insights into the encounter of two apparently incompatible worlds: luxury and sustainability. Guiding businesses in this direction as a communication manager and event organizer has made me aware that, now more than ever, it is by respecting ourselves and our planet's resources that we should start to create real value.

Related Posts

Librai Antiquari a Venezia

Dal 10 al 12 febbraio al Centro Culturale Palazzo Pisani Revedin la mostra-mercato “Librai Antiquari a Venezia” presenterà per la prima volta nella Serenissima un’eccezionale selezione di rarità

The I.C.E. St. Moritz – Torna il Concorso Internazionale d’Eleganza

Dopo il successo dell'edizione 2022, torna il Concorso d'Eleganza più originale e atteso dell'Engadina: l'I.C.E. St. Moritz, l'evento internazionale che, per un weekend, porterà nella suggestiva cornice del lago ghiacciato di St. Moritz tutto il meglio delle auto d'epoca per la gioia di piloti, collezionisti, appassionati e jet set

BRAFA 2023: grande entusiasmo per la 68a edizione di Brafa

Questa 68a edizione è stata accolta con grande apprezzamento da collezionisti e amanti dell'arte, per la qualità delle 130 gallerie internazionali partecipanti, la bellezza degli stand