Emotions in a blur

Category:

Che lavori a un servizio di moda, prepari un ritratto o componga una natura morta, Paolo Roversi crea immagini che danno forma al mistero, lo scoprono e lo portano alla luce. Le sue foto hanno diverse anime, ma appaiono prima di tutto come lampi di una bellezza illogica e perturbante. Sembrano tutte attraversate da una vibrazione che diluisce il tempo e dona un movimento. In poche frazioni di secondo, il tempo di un click, si esprime un’emozione che invece resta e s’imprime nella mente di chi guarda. La mostra personale che apre a Ravenna al MAR, Museo d’Arte della città di Ravenna, intitolata “Paolo Roversi – Studio Luce” fornisce una chiave in più per accedere al suo immaginario. Roversi preferisce lavorare in studio, per lui spazio dalla duplice connotazione: da una parte un luogo fisico, un teatro essenziale e scarno dove mettere in scena i propri sogni e desideri; dall’altra un luogo della mente, che apre le porte ad una dimensione alternativa, la cui chiave è la luce, dove catturare immagini con la sua Deardoff, la macchina fotografica con cui scatta da sempre.
Paolo Roversi nasce a Ravenna nel 1947. Nel 1973 si trasferisce a Parigi, dove ancora oggi vive e lavora nel suo atelier in Rue Paul Fort, lo “Studio Luce” da cui trae il titolo la mostra. Ma è alla sua infanzia e a Ravenna che riconduce la sua ricerca di una bellezza pura, quasi spirituale, allo sfavillio dei mosaici di Sant’Apollinare, San Vitale e Galla Placidia, all’atmosfera rarefatta di un luogo pervaso da una bellezza serena, tersa, silenziosa, avvolta dalla nebbia.
Sono in mostra i suoi lavori più recenti: una selezione del calendario Pirelli 2020 e una serie di scatti di moda inediti, esposti per la prima volta, realizzati per i più importanti fashion brand, come Dior e Comme des Garçons, e magazine internazionali come Vogue Italia.
Un’ampia selezione di scatti provenienti direttamente dall’archivio di Roversi celebrano la figura della musa, la Beatrice cantata da Dante nella Divina Commedia, incarnata in donne iconiche come Natalia Vodianova, Kate Moss, Naomi Campbell e Rihanna.
La mostra, a cura di Chiara Bardelli Nonino con le scenografie di Jean-Hugues de Chatillon, apre il 10 ottobre fino al 10 gennaio 2021.

sponsored
Editorial
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare