L’eredità di Manuel Carbonell

Category:

L’eredità di Manuel Carbonell, vissuto tra il 1918 e il 2011, sarà ora raccolta dal nipote Ricardo J. Gonzalez III, residente a Miami, in Florida.

Gonzalez ha lavorato al fianco di Carbonell per oltre 30 anni, dando rilievo alla sua produzione in diversi continenti, in luoghi e spazi pubblici e privati. Oggi, Gonzalez è alla ricerca di una galleria internazionale che contribuisca a rendere il lascito di Carbonell ancora più noto e apprezzato in tutto il mondo.

Al suo arrivo a New York nel 1959, Carbonell abbandonò la fase di ispirazione classica e religiosa degli anni di Cuba in favore di un’espressione moderna e contemporanea. Nel suo stile tutto personale, Carbonell ricercò l’essenza della forma e l’assenza del dettaglio, conferendo alla sua opera un’aura di monumentalità.

Lo stile unico della sua scultura, i suoi disegni straordinari e l’imponenza delle sue maquette e creazioni gli valsero importanti commissioni pubbliche. Tra queste, nel 1992, Carbonell si aggiudicò l’incarico della realizzazione dello storico monumento in bronzo “Tequesta Family at the Pillar of History”, alto 16 metri e posto a metà campata sul Brickell Avenue Bridge, all’inizio del Miami River.

La colonna racconta le vite della tribù Tequesta, i primi abitanti di Miami. Un’altra opera importante è “El Centinela Del Rio”, una statua in bronzo e alabastro alta più di 6 metri situata al Tequesta Point di Brickell Key, sempre a Miami. Si deve inoltre a Carbonell la realizzazione della scultura “Horse and Rider”, alta quasi 5 metri, commissionata da Burt Reynolds per il suo precedente teatro.


Le sue imponenti opere contemporanee sono parte di prestigiose collezioni d’arte o collocate in importanti luoghi pubblici: “Couple in Love” adorna la hall dell’hotel Mandarin Oriental di Miami e del Ritz-Carlton di Bangalore, in India, dove si trova anche “Abrazo”. “Lovers” completa l’entrata del Carbonell Condominium a Brickell Key, così chiamato in onore dell’artista, insieme a “Torso”, che si trova nell’ingresso.

“New Generation” è allo Xujiahui Park di Shanghai, in Cina. La scultura “Amantes” impreziosisce l’ingresso del J W Marriot Hotel al Buenaventura Golf and Beach Resort, parte della catena Autograph Collection, nella Repubblica di Panama, così come i giardini del Castello di Vullierens in Svizzera.

sponsored
Hope Gainer
Hope Gainer
Hope Gainer is President of Hope International & Managing Director, Hope International Properties. She is a global imagemaker, marketer and branding expert with over 30 years of lifestyle experience with a focus today on the luxury market. She produces unique, upscale events around the world. Gainer is a contributor to several luxury magazines and Huffington Post. She also represents spectacular ‘trophy’ real estate properties in Miami and globally. Traveling to unique destinations and experiencing new adventures around the world is her favorite pastime.

Related Posts

Maxi Jena – Sina Centurion Palace vince la Venice Hospitality Challenge

La regata, che ha segnato un nuovo record di partecipanti con sedici Maxi Yacht in gara appartenenti a quattro diverse nazioni, come sempre si è svolta interamente sul percorso cittadino della Serenissima fra il bacino di San Marco e il Canale della Giudecca.

La ricetta del Gruppo UNA per l’ospitalità italiana

In occasione dell'Hospitality day di Rimini abbiamo avuto l'opportunità di intervistare Fabrizio Gaggio, Direttore Generale Gruppo UNA, la più grande catena alberghiera italiana con 46 strutture suddivise su 3 brand UNA Esperienze, UNAHOTELS e UNAWAY

Fashion House Maleza, artigianalità e scelte eleganti

Il marchio di moda Maleza in Croazia ha sviluppato una visione chiara per creare pezzi unici che offrano qualità ed eleganza senza tempo. Ciò significa che la loro gamma di moda alla moda si aggiunge a un'aggiunta irresistibile al guardaroba di ogni donna moderna