GES-2 apre a Mosca il nuovo tempio dell’arte contemporanea

GES-2, il nuovo tempio dell’arte contemporanea, apre a Mosca dopo oltre sette anni di lavori, grazie alla generosità di Leonid Mikhelson, multimiliardario e patron della Novatek, la visione di Teresa Mavica, direttrice italiana della fondazione VAC, nonché il genio di Renzo Piano, autore del progetto di riconversione.

GES-2

Oltre 30mila metri quadri di spazi recuperati su quattro livelli, nessun risparmio di risorse (si parla di un miliardo di euro d’investimento)

La GES-2 rappresenta un nuovo concetto di spazio culturale, che ha l’obiettivo di mettere insieme la gente. Un luogo come questo, che recupera l’idea della Casa della Cultura, presente in Russia ben prima dell’avvento del comunismo

Un museo tradizionale serve per ammirare l’arte, qui si viene per partecipare, per essere parte di un processo

afferma Teresa Mavica

Le case della cultura, infatti, divennero in Russia il primo esempio di istituzioni multidisciplinari, ospitando sotto lo stesso tetto biblioteche, gallerie, teatri, laboratori creativi, sale da concerto, musei, cinema e persino scuole.

GES-2-by-Renzo-Piano-RPBW-Courtesy-of-V-A-C.-1
GES-2 RPBW Courtesy of VAC

Attraverso questo approccio, l’attività culturale fu resa accessibile a un pubblico più ampio al quale venne offerto un luogo per la creatività: l’arte non era più percepita come elitaria ma progettata per essere organicamente inclusiva.

GES-2

La GES-2 è esattamente questo: nella struttura ci sono caffè e ristoranti, cinema, zone per i concerti, aree per i workshop, sale espositive e chi più ne ha più ne metta. Le prossime cinque stagioni sono già state delineate (ognuna dura circa sei mesi) e sono raggruppate dal titolo ‘Holy Barbarians’.

Questa bellissima scatola ora va riempita. Lo faremo con nuove produzioni di discipline artistiche diverse

sottolinea il direttore artistico Francesco Manacorda.

Noi vogliamo portare non solo l’arte visiva ma anche il cinema, la danza, il teatro, la poesia creando un dialogo tra loro e il pubblico di Mosca.

sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Floating Forest una foresta galleggiante per Milano

La collaborazione del brand con Stefano Boeri Interiors posiziona Floating Forest in Darsena, nel cuore del distretto di Tortona e della città

Week end di lusso sostenibile alla scoperta del Sud della Francia

L’incantevole zona tra Monaco e Grasse, nel Sud della Francia, vi farà entrare in contatto con il vostro lato green senza rinunciare al comfort e al glamour

Case di lusso su misura e il massimo dell’assistenza clienti da Architetti SARCO

L'azienda è orgogliosa di fornire una filosofia di progettazione e costruzione che garantisce un'esperienza completa e senza stress per ogni cliente di lusso