Pierre et Gilles al Museo della Musica della Philharmonie di Parigi

Pierre et Gilles sono i protagonisti della mostra La Fabrique des idoles al Museo della Musica della Philharmonie di Parigi dove è possibile passeggiare nella stanzetta di un adolescente, in un tempio indù, in un club parigino in voga negli Anni Ottanta, passando per un’edicola votiva di un vicolo di Napoli, tra luci stroboscopiche, glitter, volti, colori e tanto, tanto kitsch.

Kitsch di un’assoluta qualità estetica. Un percorso scintillante e al tempo stesso malinconico, che si compone di 110 pitture-fotografie, 25 copertine di dischi, 200 oggetti memorabilia, 6 videoclip e circa 140 brani musicali in libero ascolto attraverso le audioguide.

Pierre et Gilles Sainte Mary MacKillop Kylie Minogue 1995 Collezione privata Pierre et Gilles
Pierre et Gilles Sainte Mary MacKillop Kylie Minogue 1995 Collezione privata Pierre et Gilles

Pierre et Gilles, due anime gemelle che si sono trovate nel 1976 “in una festa”, come amano raccontare, nel corso di questi quarant’anni hanno saputo proporre un’arte ibrida, tra pittura e fotografia, tra realtà e meraviglia, tra sogno e incubo, in cui il ritratto occupa un posto centrale. Persone sconosciute, star planetarie, gruppi underground e cantanti vari si sono prestati a essere “reinterpretati” in maniera dissacrante (a volte blasfema), fantasiosa, colorata o piuttosto dark, nella costruzione di quello che loro stessi definiscono essere “un pantheon iconoclasta e sentimentale”.

Pierre et Gilles Nina Hagen Collezione Noirmontartproduction Parigi Pierre et Gilles
Pierre et Gilles Nina Hagen Collezione Noirmontartproduction Parigi Pierre et Gilles

Tra gli artisti che negli anni hanno posato per il duo, ad esempio, MadonnaMarylin MansonBoy GeorgeStromaeKylie MinogueDita Von Teese e Michael Jackson. Ogni modello è stato chiamato a posare all’interno di complesse scenografie montate in studio. Le fotografie sono poi state sottoposte a un lungo ed elaborato processo pittorico, terminato con la realizzazione della cornice del quadro.

Pierre et Gilles Les Deux Marins Autoportrait 1993 Museum of Fine Arts Houston Pierre et Gilles
Pierre et Gilles Les Deux Marins Autoportrait 1993 Museum of Fine Arts Houston Pierre et Gilles

L’esposizione è anche un pretesto per raccontare una storia, anzi più storie, esplorando il rapporto che Pierre et Gilles hanno avuto con la musica e tutto l’universo che le ruota intorno. Gli artisti hanno concepito una playlist che accompagna ogni ritratto, per suggere al visitatore i ricordi e le emozioni legati alla sua creazione. Il pubblico è invitato a godere e a trarre energia da quest’universo fantastico, ma anche a calarsi nell’atmosfera creatrice di quello che può essere un idolo al tempo della nostra contemporaneità.

Pierre et Gilles Extase Arielle Dombasle 2002 Collezione privata Parigi Pierre et Gilles
Pierre et Gilles Extase Arielle Dombasle 2002 Collezione privata Parigi Pierre et Gilles

La quarta sezione del percorso espositivo è interamente occupata dal cosiddetto “altare della musica”, qualcosa che somiglia moltissimo a un’edicola votiva dedicata alla Madonna, ai vari santi, ma anche a Maradona, con altari che si vedono spessissimo nei vicoli popolari di Napoli. Tra sacro e profano. Al centro dell’installazione vi è un piccolo schermo attraverso il quale sono proiettati i video musicali realizzati dai due artisti negli Anni Ottanta. Un trionfo di quel “politicamente scorretto” che solo quel decennio ha saputo regalare, senza bisogno di mezze misure.

Pierre et Gilles La Madone aux fleurs Clara Luciani Collection Pierre et Gilles Courtesy Galerie Templon Paris Brussels Pierre et Gilles
Pierre et Gilles La Madone aux fleurs Clara Luciani Collection Pierre et Gilles Courtesy Galerie Templon Paris Brussels Pierre et Gilles

La Fabbrica degli idoli è un concentrato di eccesso, o di eccessi, di lustrini e di paillettes, ma è soprattutto un’occasione per riflettere sul modo in cui l’essere umano, in qualsiasi epoca e luogo, è solito rappresentare qualcosa di considerato come sacro, o anche profano, purché percepito come unico e speciale. Un’opportunità di analisi della psicologia umana e della maniera di figurare e immaginare l’eccezionale

Parigi fino al 23 febbraio 2020
Pierre et Gilles – La Fabrique des idoles
MUSÉE DE LA MUSIQUE
221, avenue Jean-Jaurès
https://philharmoniedeparis.fr
sponsored
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Librai Antiquari a Venezia

Dal 10 al 12 febbraio al Centro Culturale Palazzo Pisani Revedin la mostra-mercato “Librai Antiquari a Venezia” presenterà per la prima volta nella Serenissima un’eccezionale selezione di rarità

The I.C.E. St. Moritz – Torna il Concorso Internazionale d’Eleganza

Dopo il successo dell'edizione 2022, torna il Concorso d'Eleganza più originale e atteso dell'Engadina: l'I.C.E. St. Moritz, l'evento internazionale che, per un weekend, porterà nella suggestiva cornice del lago ghiacciato di St. Moritz tutto il meglio delle auto d'epoca per la gioia di piloti, collezionisti, appassionati e jet set

BRAFA 2023: grande entusiasmo per la 68a edizione di Brafa

Questa 68a edizione è stata accolta con grande apprezzamento da collezionisti e amanti dell'arte, per la qualità delle 130 gallerie internazionali partecipanti, la bellezza degli stand