Un’eccellente settimana e alcune incertezze per il futuro

La settimana appena terminata è stata forse la migliore dell’anno per i titoli del lusso. Nel nostro paniere di 20 azioni, infatti, solo tre hanno visto un declino settimanale: in molti casi, e specialmente per quelle aziende che possiamo definire core del settore, i guadagni sono stati fra i maggiori dei loro mercati di riferimento, battendo di gran lunga gli indici cui appartengono.

Queste performance sono arrivate sull’onda di una settimana di buona ripresa sui listini occidentali e spettacolare per quanto riguarda la Cina. Quest’ultima, infatti, ha visto un’ondata di ottimismo grazie a buoni e inaspettati dati nel settore manifatturiero e alle notizie filtrate sulla stesura comune di un accordo sulle questioni commerciali con gli Usa.

La reazione da parte dei titoli del lusso è stata per certi versi da manuale: a fronte di un quadro di propensione al rischio generale innescato dalla Cina, le azioni di questo segmento di mercato sono appunto salite mostrando un’elevata correlazione e un forte beta con i mercati del Dragone.

Lo scenario ideale per i titoli del lusso ancora una volta è quello in cui l’economia globale si trova in condizioni di solidità, con però una marcata forza cinese: in pratica l’opposto dell’anno passato. Le ultime cinque sedute sono andate a marcare quello che negli Usa è stato il migliore primo trimestre per l’equity da 10 anni a questa parte. Al futuro si può guardare con un certo ottimismo, ribadendo però gli stessi caveat evidenziati precedentemente. È interessante notare che i giganti francesi del lusso sono o ai massimi storici o in prossimità di essi.

Le performance del comparto, infatti, rimangono legate a un’economia incerta, che peraltro la settimana scorsa ha comunque evidenziato problemi con dati deludenti sui consumi e l’inflazione in Usa e l’enigma Brexit all’orizzonte.

Qualità e un occhio alle valutazioni rimangono pertanto l’approccio giusto in questo ambito, con la possibilità comunque di dovere affrontare in futuro nuove fasi di volatilità anche piuttosto rapide nel loro dispiegamento.

Azienda Performance YTDStrock market
Ferrari37.70%Milano
Tiffany31.10%New York
Estee Lauder 27.25%New York
Christian Dior27.19%Paris
LVMH 26.99%Paris
Ralph Lauren25.34%New York
Kering24.20%Paris
Moncler 24.16%Milano
Hermes 21.33%Parigi
Capri/Michael Kors20.65%New York
Richemont 15.14%Zurich
Burberry12.62%London
Porsche 8.33%Frankfurt
Ferragamo8.27%Milano
Brunello Cucinelli2.00%Milano
Tod's0.00%Milano
BMW-2.76%Frankfurt
Tapestry/Coach-3.73%New York
Prada-9.50%Hong Kong
Tesla -15.90%New York

sponsored
Editorial
Our editorial staff includes people with different professional backgrounds who share a passion for writing and who want to create and develop a dialogue with their readers and with the world.

Related Posts

The I.C.E. St. Moritz – Torna il Concorso Internazionale d’Eleganza

Dopo il successo dell'edizione 2022, torna il Concorso d'Eleganza più originale e atteso dell'Engadina: l'I.C.E. St. Moritz, l'evento internazionale che, per un weekend, porterà nella suggestiva cornice del lago ghiacciato di St. Moritz tutto il meglio delle auto d'epoca per la gioia di piloti, collezionisti, appassionati e jet set

BRAFA 2023: grande entusiasmo per la 68a edizione di Brafa

Questa 68a edizione è stata accolta con grande apprezzamento da collezionisti e amanti dell'arte, per la qualità delle 130 gallerie internazionali partecipanti, la bellezza degli stand

Ornella Vanoni: il Coraggio di essere Unica

Si è conclusa da pochi giorni, al Teatro Politeama Genovese, la tournée di Ornella Vanoni, protagonista del recital “Le Donne e la Musica”