Bugatti Chiron, eleganza performante

Category:

Numeri da capogiro… a partire dal fondo scala del tachimetro che segna ben 500 km/h, ma la nuova Bugatti non si limita solo a questo per stupire.

La Bugatti Chiron, anticipata nelle linee dalla concept car Vision Gran Turismo, incanta tutti per tecnica e prestazioni, lo fa con uno stile che non lascia spazio a vezzi puramente estetici.

Alla Bugatti parlano di “Form follows performance”, infatti i designer e gli ingegneri hanno lavorato su ogni singola superficie per favorire i flussi d’aria necessari al raffreddamento, oppure alettoni e appendici aerodinamiche per stabilizzare la vettura alle altissime velocità, o elementi in grado di estrarre il calore generato dal poderoso motore di questa hypercar.

Il design della Chiron riprende stilemi tipici delle Bugatti senza stravolgerne il dna, ritroviamo citazioni alla Type 57SC Atlantic come la cresta che corre su tutta la zona centrale, le superfici levigate, la scomposizione dei colori e sul frontale la classica calandra a ferro di cavallo ripresa della celebre Type 35. Tutto realizzato con materiali nobili come il carbonio e l’alluminio.

Gli interni sono realizzati secondo gli alti standard della casa Francese, con una zona centrale che idealmente separa il pilota dal passeggero, lo strumento analogico e digitale che tra la moltitudine di informazioni ha la funzione “conta cavalli” che informa il driver sulla potenza erogata dal motore. La plancia in carbonio presenta zone rivestite in pelle e dettagli in alluminio.  Tutti i materiali presenti sulla Chiron sono nobili e autentici. Prestazioni da primato grazie al motore 16 cilindri, 8 litri di cubatura ed architettura a W che eroga una potenza massima di 1500 Cv. Quattro turbo compressori twin stage per una coppia motrice di 1600nm, fermano il cronometro dello 0-100 in 2,5 secondi per una velocità limitata a 380km/h… ma tramite una speed key si possono raggiungere i 420 km/h.  Questo gioiello della tecnica viene realizzato negli atelier di Molsheim secondo procedure altamente qualificate, attraverso numerosi controlli e processi produttivi di primissimo livello.

Il cliente che sceglie Chiron ha la possibilità di configurare la sua vettura con 23 tinte di carrozzeria abbinate ad otto varianti di fibra di carbonio e 31 finiture in pelle per gli interni…con la possibilità di soddisfare le richieste dei clienti più esigenti con tinte e materiali a campione. Verrà realizzata in 500 esemplari. Il nome rende omaggio al pilota monegasco Luis Chiron che corse e vinse con la Type 35.

Estetica e performance: questa è la formula magica di Bugatti Chiron. Il sogno di Ettore Bugatti continua.

by Antonio Erario

sponsored

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare