Pagani Automobili apre il suo nuovo Atelier e il museo Horacio Pagani

Pagani Automobili apre ufficialmente il suo nuovo Atelier e il museo dedicato a Horacio Pagani, che ripercorrerà la vita del designer argentino attraverso le sue più leggendarie creazioni.

Un tributo alla passione, alla determinazione e all’arte automobilistica. Sono questi i valori e le emozioni che la visita all’Atelier e al museo Horacio Pagani regala ai visitatori.

Oltre al primo modello Zonda del 1998, è possibile trovare anche l’iconica Zonda Cinque, la Zonda R e la Huayra. Tutti modelli unici esposti insieme per la prima volta in una collezione esclusiva mai vista prima che sarà aperta ai visitatori di tutto il mondo.

La visita al museo è un viaggio tra i più importanti momenti che hanno segnato la vita di Horacio: dai primi anni in Argentina fino ad oggi, esplorando i fattori che hanno portato un giovane ragazzo che credeva fermamente nelle sue idee a realizzare i suoi obbiettivi con passione e devozione, fino ad arrivare al suo sogno più grande: “venire a Modena per disegnare e costruire le mie auto”.

Horacio Pagani, capo designer della Pagani Automobili – “I sogni e la passione sono l’energia dei nostri giorni. Sognavo l’Italia fin da quando ero solo un bambino in Argentina. Desideravo venire a Modena, dove vengono create le automobili più belle del mondo. Il mio sogno mi ha permesso di vivere gli ostacoli non come tali, ma come opportunità di crescita e come sfide da superare con grinta e determinazione.”

sponsored

Related Posts

Archiproducts Design Awards e LIT premiano la creatività dell’arch. Venier

Archiproducts Design Awards e LIT premiano la creatività dell'arch. GianPaolo Venier e della lampada da esterni PIN – Urbi et Orbi

Viva Magenta è il Colore del 2023

Questo colore ha uno spirito sperimentale, “The Magentaverse” è un colore nuovo per tutti

“Olafur Eliasson: Nel suo tempo” la personale visione dell’artista a Palazzo Strozzi

Parliamo d’una persona originale eppure di gran gusto che a Palazzo Strozzi nella città dantesca, sino al 22 gennaio 2023, permetterà di far osservare le sue opere in  grandi installazioni, con varie sculture, al seguito d’interventi minimali