Un volo insubre: Luca Sartorio cala l’asso del suo progetto

Lago Maggiore

Verso un ulteriore sviluppo luxury del nostro territorio.

Come il Kursaal d’antan, Palazzo Verbania, faro del Lago Maggiore, sabato 18 maggio ha espresso il genio del suo luogo, quello di essere il fulcro della società luinese, attraverso il mood internazionale del progetto “Lago Maggiore 2030” di Luca Sartorio, Ceo di Grand Luino che ha motivato la sua visione geniale rivolta al rilancio luxury del territorio lacustre per riportarlo agli antichi splendori.

Il grandioso progetto durante la serata ha avuto uno sviluppo interessante, con la siglatura di un accordo tra Grand Luino e Scandinavian Seaplanes per la costituzione di una società con il fine di creare un collegamento di linea tra Luino e il lago Maggiore e gli aeroporti milanesi, Venezia e la Liguria.

siglatura di un accordo tra Grand Luino e Scandinavian Seaplanes
da sinistra: Luca Sartorio, CEO di Grand Luino & Daniel Boden, Fondatore di Scandinavian Seaplanes

Le preziose sale con gli antichi decori Art Nouveau hanno accolto presenze importanti di investitori stranieri, alcuni provenienti da diverse nazionalità come la vicina Confederazione Elvetica, la Germania, la Francia ed altri video collegati in streaming.

Durante la giornata, svoltasi in alcuni momenti anche al Circolo della Vela A.V.A.V. e alla Colonia Elioterapica di Germignaga, al meeting che gode del patrocinio di Regione Lombardia, in collaborazione con l’Università di Genova – Centro del Mare e con l’Università I.U.L.M., con il supporto organizzativo dell’Associazione Culturale Amici delle Sempiterne, si sono avvicendate molte rappresentanze del mondo istituzionale come l’Onorevole Andrea Pellicini, l’Europarlamentare Isabella Tovaglieri, e l’Assessore Regionale Francesca Caruso in video, il Presidente della Provincia di Varese Marco Magrini, il Sindaco di Luino Enrico Bianchi con le Assessore luinesi Francesca Porfiri e Serena Botta.

idrovolante alla Colonia Elioterapica di Germignaga
Idrovolante alla Colonia Elioterapica di Germignaga

Anche il mondo associativo ha partecipato con attenzione alla presentazione di una progettualità assertiva e sicuramente vincente: dall’Associazione Le Sempiterne rappresentata dalla Presidente Simona Fontana, all’Associazione Locarno-Milano-Venezia con il Presidente Niccolò Salvioni, dall’associazione Idrovolo presieduta da Giuseppe Lapenta, al Gruppo Italiano Stampa Turistica con la Vice Presidente Ada Mascheroni. (presenti anche per il GIST Edoardo Stucchi e Claudio Pina).

da sinistra: Edoardo Stucchi, Consigliere GIST; Simona Fontana Contini, Presidente Le Sempiterne; Ada Mascheroni, Vice Presidente GIST; Claudio Pina, Consigliere GIST
da sinistra: Edoardo Stucchi, Consigliere del GIST; Simona Fontana Contini, Presidente Le Sempiterne; Ada Mascheroni, Vice Presidente del GIST; Claudio Pina, Consigliere del GIST

L’asso è stato calato in un gran finale all’inizio del concerto di Giorgio Conte, organizzato in collaborazione con il Festival del Teatro e della Comicità presieduto da Francesco Pellicini quando è stato siglato pubblicamente il suddetto accordo tra Daniel Boden e Luca Sartorio.

L’imprenditore ha condotto la giornata con una narrazione precisa mettendo al tavolo le diverse voci che hanno analizzato il work in progress progettuale con un’analisi SWOT del territorio narrata con molti punti di forza e qualche punto di debolezza.

Durante la giornata si sono avvicendate rappresentanze di atenei illustri come il Professor Francesco Alessandria dell’Università La Sapienza di Roma, che ha parlato dello sviluppo sostenibile di una destinazione da un punto di vista urbanistico. Tale sessione, moderata dal Professor Alessandro Bertirotti dell’Università di Genova – Centro del Mare – è stata anche dedicata alla comunicazione in concertazione con l’università IULM di Milano con la quale Grand Luino sta sviluppando una progettualità per costruire e gestire la Città lacustre come destinazione turistica. La professoressa Manuela De Carlo ha iniziato a divulgare i primi risultati di questa ricerca. Una sessione molto importante, dedicata alla cultura, è stata moderata dal giornalista di MonteCarlo Times Marco Corradi a cui hanno partecipato lo storico Federico Crimi e il celebre compositore Giorgio Conte.

Paesaggio di Luino, progetto di rilancio del territorio

La sessione dedicata agli strumenti e alla fiducia necessari per la trasformazione territoriale è stata moderata dal Professor Gabriele Bottino, Ordinario di Diritto Amministrativo all’Università Statale di Milano, che ha ringraziato Luca Sartorio quale giurista ed esperto degli strumenti della programmazione negoziata sia come studioso che per la capacità di utilizzare tali strumenti, ed ha introdotto il professor Leonardo Salvemini, esperto di Diritto dell’Ambiente e della disciplina della programmazione negoziata regionale, che ha evidenziato come il progetto abbia tutti i requisiti previsti dalla legge per poter decollare.

Durante il convegno, nelle sale del palazzo hanno esposto Italo Corrado, Cristina Roncali e Paolo Oldani, Cristina Dicembrino e la famiglia Laganà. Nella sala conferenze sono stati esposti la Serenissima e i navigli lombardi ed hanno fatto da corollario a tutta la manifestazione che si è conclusa con la donazione di una resina di Marika Laganà all’imprenditore illuminato.

da sinistra: John Gandolfi, Business Ambassador di Excellence Magazine & l'artista Italo Corrado
da sinistra: John Gandolfi di Excellence Magazine & l’artista Italo Corrado

Altre realtà coinvolte nell’iniziativa: il Gruppo Italiano Stampa Turistica, l’Agenzia Formativa della Provincia di Varese, Rotary Club Laveno Luino Alto Verbano, il Lions Club Luino, la Pro Loco di Luino, gli Amici del Liceo, Airgarda, 12 sport Club, Aeromodellismo, Cerinotti, Fioridea Luino, Cantina Bottenago.

Simona Fontana

Prev
Hotel San Clemente Palace Kempinski Venice
Hotel San Clemente Palace Kempinski Venice

Hotel San Clemente Palace Kempinski Venice

Sempre a fianco della Biennale

Next
Oroscopo profumato: i profumi per il segno del Toro

Oroscopo profumato: i profumi per il segno del Toro

Note terrose esaltate da bergamotto, zenzero e malva muschiata

You May Also Like
Share via
Send this to a friend