Second hand: la nuova frontiera del lusso sostenibile

Category:

Uno dei dati più interessanti del Circular Fashion Report 2020 è la misurazione del potenziale mercato della moda green.

Le cifre sono da capogiro: ben 5 mila miliardi di dollari; il 67% in più rispetto al sistema attuale.

Traducendo i numeri insomma, risulta ormai chiaro che i consumatori che non rinunciano al lusso, sono disposti a spendere a patto che i prodotti prescelti siano ecosostenibili.

excellence magazine gucci second hand luxury

I dati del settore:

L’ambiente è stato per decenni vittima degli scellerati metodi di produzione dell’industria del fashion luxury.

Secondo la rivista Nature Reviews Earth, ogni anno sono oltre 92 milioni le tonnellate di rifiuti tessili.

Non solo: la lavorazione dei tessuti è responsabile del 20% dell’inquinamento idrico industriale e oltre il 30% delle microplastiche negli oceani derivano dai lavaggi di fibre sintetiche.

Boston Consulting Group e Vestiaire Collective hanno sondato la volontà dei consumatori: i trend emersi sono principalmente due.

Oltre la metà del campione intervistato ha dichiarato di interessarsi maggiormente a brand con obiettivi green mentre il 31% dichiara di orientarsi verso la scelta della second hand.

Vendere i propri capi o accessori di lusso per acquistarne altri è diventata la vera nuova tendenza del lusso sostenibile.

excellence magazine louis vuitton second hand

Il lusso di seconda mano

I principali sostenitori di questa nuova tendenza sono i rappresentanti della Generazione Z.

I nati tra il 1995 ed il 2010 infatti, per oltre il 90%, acquista oggetti di seconda mano anche per ragioni di sostenibilità e riduzione delle emissioni inquinanti.

In Italia il lusso second hand segue il trend di crescita internazionale: secondo il portale Subito infatti, le ricerche nella categoria accessori e abiti ammontano ad oltre 23 milioni; +19% rispetto all’anno precedente.

A far emergere la voglia di lusso sostenibile sono le parole più ricercate sul portale: al primo posto si attesta Rolex, al secondo “orologi”. Medaglia di bronzo per la maison Gucci e al quarto posto tra gli oggetti del desiderio second hand delle fashion victims ecco arrivare Louis Vuitton.

Il risparmio ottenuto nella scelta di oggetti di lusso di seconda mano non è solo economico.

L’Istituto Svedese di Ricerca Ambientale ha dichiarato che questo nuovo modo di approcciare l’acquisto dei beni di lusso ha portato ad un risparmio complessivo di 10 tonnellate di CO2.

 

sponsored
Serena Poma
Serena Poma
A journalist ever since, I love turning the world's events into sentences and lines that can take readers "inside the news", leading them to explore the current happenings with me through my articles. My professional background has allowed me to gain insights into the encounter of two apparently incompatible worlds: luxury and sustainability. Guiding businesses in this direction as a communication manager and event organizer has made me aware that, now more than ever, it is by respecting ourselves and our planet's resources that we should start to create real value.

Related Posts

Maxi Jena – Sina Centurion Palace vince la Venice Hospitality Challenge

La regata, che ha segnato un nuovo record di partecipanti con sedici Maxi Yacht in gara appartenenti a quattro diverse nazioni, come sempre si è svolta interamente sul percorso cittadino della Serenissima fra il bacino di San Marco e il Canale della Giudecca.

La ricetta del Gruppo UNA per l’ospitalità italiana

In occasione dell'Hospitality day di Rimini abbiamo avuto l'opportunità di intervistare Fabrizio Gaggio, Direttore Generale Gruppo UNA, la più grande catena alberghiera italiana con 46 strutture suddivise su 3 brand UNA Esperienze, UNAHOTELS e UNAWAY

Fashion House Maleza, artigianalità e scelte eleganti

Il marchio di moda Maleza in Croazia ha sviluppato una visione chiara per creare pezzi unici che offrano qualità ed eleganza senza tempo. Ciò significa che la loro gamma di moda alla moda si aggiunge a un'aggiunta irresistibile al guardaroba di ogni donna moderna