Vestiaire Collective stop al fast fashion

A pochi giorni dal Black Friday Vestiaire Collective prende le distanze dal fast fashion: stop alla vendita delle proposte “usa e getta”.

Una decisione strettamente connessa al suo impegno a diminuire gli sprechi della moda nei prossimi tre anni.

Abbiamo fatto questo passo perché non vogliamo essere complici di questa industria, che ha un enorme impatto ambientale e sociale

spiega Dounia Wone, chief impact officer della piattaforma resale

Il sistema attuale incoraggia la sovraproduzione e il consumo eccessivo di articoli di bassa qualità e genera enormi quantità di rifiuti di moda

Negli ultimi 15 anni la produzione globale di abbigliamento è raddoppiata. Vengono acquistati più capi di bassa qualità che sono indossati il 40% in meno.

excellence magazine montecarlo fashion week 21

Il piano triennale dell’e-commerce include una serie di “criteri per il fast fashion” che definiscono le aziende insostenibili, tenendo conto di fattori come la qualità del prodotto, le emissioni di Co2 e le condizioni di lavoro. Il provvedimento dovrebbe colpire circa il 5% dell’assortimento.

excellence magazine fashion for good

Vestiaire Collective ha preso altre due iniziative. La prima è fare pressione a livello governativo, insieme a The Or Foundation, per la Responsabilità estesa del produttore. La seconda riguarda la ricerca di soluzioni pratiche per gli articoli di fast fashion come il riciclo, l’upcycling e le donazione costruttive (nella foto, lo smistamento di abiti usati in Ghana, a Kantamanto, dove ogni settimana arrivano 15 milioni di articoli da tutto il mondo).

Vogliamo raggiungere il nostro obiettivo Zero Fast Fashion entro il Black Friday 2024

annunciano dalla piattaforma che poco più di un anno fa è stata valutata 1,7 miliardi di dollari.

sponsored
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

In Corso Venezia a Milano il Primo Atelier di Bentley Home

Lo spazio centrale è attraversato da tagli di luce e riflessi, che dalle grandi finestre irradiano sugli arredi della collezione passando per una parete completamente incorniciata da specchi

Relationship: la retrospettiva di Richard Avedon a Palazzo Reale a Milano

“Relationships”, questo il titolo della mostra, sarà visibile al Palazzo Reale di Milano fino al 29 gennaio 2023

Il piano nobile di Palazzo Reale a Milano ospita la retrospettiva di Max Ernest

Oltre 400 sono le opere tra dipinti, sculture, disegni, collages, fotografie, gioielli e libri illustrati provenienti da musei, fondazioni e collezioni private, in Italia e all’estero