Quando l’alta moda diventa sostenibile, il lusso diventa etico

Category:

Era il 23 Aprile 2013 quando a Savar, periferia di Dacca, capitale del Bangladesh, migliaia di operai di un’azienda tessile vennero fatti rientrare in sede nonostante le pericolose crepe segnalate nella struttura.

Tutti quei lavoratori rientrarono ai loro posti per continuare a produrre capi ed accessori per i marchi più prestigiosi dell’alta moda. Non fecero in tempo a ricominciare ad accendere i macchinari che il palazzo crollò drammaticamente.

Il bilancio del crollo fu del tutto simile a quello di una vera e propria strage: 1.129 morti ed oltre 2.500 feriti, la maggior parte dei quali rimasta disabile a vita.

Dalla strage al risveglio delle coscienze

Il disastro del Rana Plaza (questo il nome dell’edificio) ha dato il via ad un moto di indignazione globale che ha portato, sempre nel 2013, alla nascita del movimento Fashion Revolution.

excellence magazine fashion revolution

Il movimento è nato negli USA dalle due co-fondatrici: Carry Sommers e Orsola De Castro. Ben presto si è ampliato ed ha raggiunto tutti i paesi del mondo.

Fashion Revolution si pone come obiettivo principale la formazione di una coscienza etica e green rispetto al mondo della moda.

Il motto del movimento Fashion Revolution è: “scegliere cosa acquistiamo può creare il mondo che vogliamo”.

Forti di questa convinzione, i membri del movimento sono stati veri fautori delle campagne di sensibilizzazione e denuncia verso le vere origini dei capi delle maggiori firme.

Fashion Revolution ha contribuito grandemente a spezzare quella filiera produttiva, spesso inumana, che per anni ha visto le grandi maison, ma anche molti marchi fashion di fascia più economica, sfruttare il lavoro di operai dei paesi più poveri del Pianeta, costringendoli a lavorare in condizioni simili a quelle del Rana Plaza.

Who made my clothes

La domanda che ha ispirato la Fashion Revolution week di quest’ anno è stata “Who made my clothes?”: chiedersi chi ha prodotto i vestiti che si stanno indossando ma anche con quali materiali e con quale impatto sull’ambiente è un primo passo per evitare che la strage del Rana Plaza sia avvenuta invano.

sponsored
Serena Poma
Serena Poma
A journalist ever since, I love turning the world's events into sentences and lines that can take readers "inside the news", leading them to explore the current happenings with me through my articles. My professional background has allowed me to gain insights into the encounter of two apparently incompatible worlds: luxury and sustainability. Guiding businesses in this direction as a communication manager and event organizer has made me aware that, now more than ever, it is by respecting ourselves and our planet's resources that we should start to create real value.

Related Posts

Maxi Jena – Sina Centurion Palace vince la Venice Hospitality Challenge

La regata, che ha segnato un nuovo record di partecipanti con sedici Maxi Yacht in gara appartenenti a quattro diverse nazioni, come sempre si è svolta interamente sul percorso cittadino della Serenissima fra il bacino di San Marco e il Canale della Giudecca.

La ricetta del Gruppo UNA per l’ospitalità italiana

In occasione dell'Hospitality day di Rimini abbiamo avuto l'opportunità di intervistare Fabrizio Gaggio, Direttore Generale Gruppo UNA, la più grande catena alberghiera italiana con 46 strutture suddivise su 3 brand UNA Esperienze, UNAHOTELS e UNAWAY

Fashion House Maleza, artigianalità e scelte eleganti

Il marchio di moda Maleza in Croazia ha sviluppato una visione chiara per creare pezzi unici che offrano qualità ed eleganza senza tempo. Ciò significa che la loro gamma di moda alla moda si aggiunge a un'aggiunta irresistibile al guardaroba di ogni donna moderna