Bob Krieger, un saluto al grande Maestro

Category:

La fotografia italiana ha perduto uno dei suoi più grandi autori.

Bob Krieger, tra i più affermati ritrattisti di respiro internazionale è morto improvvisamente all’età di 84 anni mentre si trovava in vacanza a Santo Domingo, ospite di amici.

Instancabile e appassionato, legato alla storia della moda italiana, Bob Krieger ha interpretato una particolare e sempre riconoscibile idea di ritratto e ha rappresentato l’Italian Style nel mondo, soprattutto nel periodo che va dagli anni Sessanta fino agli anni Novanta.

Bob Krieger ha raccontato attraverso il suo sguardo rigoroso e non incline a compiacimenti estetici, il grande boom del Made in Italy, e i suoi protagonisti.

Indimenticabili le sue foto in bianco e nero di personaggi che fanno parte della storia del nostro Paese: da Giorgio Armani a Indro Montanelli, da Bill Gates a Silvio Berlusconi, da Carla Fracci a Valentino, Carlo Azeglio Ciampi, Charlotte Rampling, da Miuccia Prada a Gianni Agnelli, di cui è stato il ritrattista ufficiale negli ultimi anni della sua vita.

Intensa la sua attività editoriale: per circa otto anni è stato corrispondente del «New York Times Magazine», ha collaborato poi con «Vogue», «Esquire» e «Harper’s Bazaar» e dal 1970 al 1975, è stato art director di «Bazaar Italia».

Abbiamo avuto l’occasione di incontrarlo all’inaugurazione della mostra Bob Krieger – Sguardi del Pensiero e dell’Anima, allestita presso l’Orangerie della Reggia di Monza, nel maggio 2018.

 

La mostra celebrava la straordinaria genialità italiana attraverso 140 ritratti di personaggi che, a vario titolo, hanno fatto grande l’Italia.

Voglio ricordare il grande Maestro del ritratto che ha accompagnato, con le sue bellissime fotografie, la vita di personaggi di rilievo.

 

sponsored
Luigi Lauro
Luigi Lauro
The Editor in Chief

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare