Il nuovo lusso dell’alta moda? Usato e certificato

Category:

Alexander Mcqueen e Vestiaire Collective hanno da poco annunciato una collaborazione del tutto innovativa nell’ambito della nuova frontiera del lusso: la moda circolare.

L’idea parte da una nuova tecnologia definita “Brand Approved” che promette di rivoluzionare il mercato del second hand luxury.

excellence-magazine-alexander-mcqueen

La tecnologia Brand Approved

Si tratta di un nuovo sistema volto a certificare i capi.

In pratica funzionerà in questo modo: un incaricato della Alexander McQueen andrà a contattare un selezionato gruppo di clienti del portale Vestiaire Collective che hanno scelto di mettere in vendita i loro capi firmati sul famoso portale dedicato al “second hand”.

Gli incaricati del brand inglese valuteranno i capi e gli accessori che i clienti desiderano vendere.

Una volta terminato questo processo, se ritenuti idonei, sarà dato un prezzo di riacquisto ai capi e gli accessori selezionati

Quando gli addetti della Alexander McQueen valideranno i capi, al cliente verrà subito assegnato un buono da poter utilizzare nelle boutique della famosissima casa di moda.

Dall’altra parte del commercio, Vestiaire Collective potrà assegnare ai capi il cartellino NFC.

Con questo strumento i i potenziali clienti potranno accedere a tutte le informazioni che garantiranno l’autenticità del capo selezionato.

excellence-magazine-alexander-mcqueen

La nuova moda: circolare e sostenibile

I due famosissimi brand, tra i più amati dalle fashion victims di tutto il mondo, hanno da sempre dimostrato un’attenzione particolare alla sostenibilità in ogni loro iniziativa.

Sia McQueen che Vestiaire Collective, negli anni, hanno mandato messaggi molto chiari, tutti volti a modificare e rendere più consapevoli le scelte d’acquisto dei consumatori.

La missione comune ad entrambi i marchi è quella di sensibilizzare e portare ad un cambiamento profondo nei modelli di business dell’alta moda.

Questa iniziativa dimostra che passare da un’economia lineare ad un modello di economia circolare, in cui il riuso diventa linfa vitale del commercio anche di lusso, è una prospettiva reale, concreta e valutata positivamente anche dai clienti.

sponsored
Serena Poma
Serena Poma
A journalist ever since, I love turning the world's events into sentences and lines that can take readers "inside the news", leading them to explore the current happenings with me through my articles. My professional background has allowed me to gain insights into the encounter of two apparently incompatible worlds: luxury and sustainability. Guiding businesses in this direction as a communication manager and event organizer has made me aware that, now more than ever, it is by respecting ourselves and our planet's resources that we should start to create real value.

Related Posts

Maxi Jena – Sina Centurion Palace vince la Venice Hospitality Challenge

La regata, che ha segnato un nuovo record di partecipanti con sedici Maxi Yacht in gara appartenenti a quattro diverse nazioni, come sempre si è svolta interamente sul percorso cittadino della Serenissima fra il bacino di San Marco e il Canale della Giudecca.

La ricetta del Gruppo UNA per l’ospitalità italiana

In occasione dell'Hospitality day di Rimini abbiamo avuto l'opportunità di intervistare Fabrizio Gaggio, Direttore Generale Gruppo UNA, la più grande catena alberghiera italiana con 46 strutture suddivise su 3 brand UNA Esperienze, UNAHOTELS e UNAWAY

Fashion House Maleza, artigianalità e scelte eleganti

Il marchio di moda Maleza in Croazia ha sviluppato una visione chiara per creare pezzi unici che offrano qualità ed eleganza senza tempo. Ciò significa che la loro gamma di moda alla moda si aggiunge a un'aggiunta irresistibile al guardaroba di ogni donna moderna