Milano Gallery Weekend: la prima edizione Milanese è stata un successo

Category:

Milano Gallery Weekend:64 gallerie, 5 istituzioni che sono diventate sedi espositive – prima fra tutte Fondazione Fiera Milano che ha aperto al pubblico la propria collezione di arte contemporanea dopo il successo a Gallerie d’Italia in primavera, 52 tra personali e bipersonali, più di 120 artisti e 173 mostre che hanno avuto la fotografia come protagonista.

Questi i numeri della prima edizione di Milano Gallery Weekend che non avrebbe preso vita senza Confcommercio e Ascofoto che hanno sostenuto fin da subito questa iniziativa.

Uno dei messaggi di cui Milano Gallery Weekend vuole farsi portatore è che le gallerie sono imprese: investono, producono reddito, mettono in campo competenze, fanno ricerca, partecipano alle fiere e si internazionalizzano

dichiara Pamela Campaner

promotrice dell’iniziativa

Milano Gallery Weekend

La ricerca è stato uno dei temi centrali della prima edizione di Milano Gallery Weekend, grazie alla Prof.ssa Laura Castelli Docente di Diritto Privato all’Università Statale di Milano che ha concesso il Patrocinio a Milano Gallery Weekend, insieme a Comune e Regione, e grazie alla Prof.ssa Maddalena Mazzocut Mis docente di Estetica, Dipartimento di Beni culturali e ambientali e responsabile scientifico del progetto Obiettivo & Immagine.

Tutta femminile la formazione che ha, in pochissimi mesi, organizzato la prima edizione del Milano Gallery Weekend, oltre alle professoresse

dichiara Pamela Campaner

abbiamo avuto al nostro fianco Sarah Spinelli, che ha curato l’ideazione grafica, Giulia Restifo, That’s Contemporary che ha curato i rapporti con le gallerie ed Emanuela Zini, Aleph Advice che ha curato la realizzazione del sito web e che, insieme a Excellence Magazine è stato media partner dell’iniziativa

Excellence Magazine ha offerto alle gallerie partecipanti uno spazio editoriale per pubblicizzare le mostre organizzate per l’apertura collettiva dell’11 ottobre.

Con la Prof. Maddalena Mazzocut Mis, insieme a Roberto Mutti giornalista, critico e curatore e Ettore Molinario, collezionista si è parlato di Authclick startup dell’Università Statale di Milano incubata da Polihub che si occupa tutela dei diritti e blockchain.

Presso l’Università statale in via Festa del Perdono si sono invece tenute tre conversazioni tra arte e diritto con un panel straordinario. La prima moderata dalla professoressa Laura Castelli (docente di Diritto privato e coordinatore del Corso post Laurea in Arte e diritto) è stata dedicata al tema della Circolazione delle opere d’arte.

La seconda condotta dalla dott.ssa Debora Rossi (deputy general manager della Biennale di Venezia) ha trattato il tema Archivi e Fondazioni, mentre la terza conversazione condotta dall’avv. Alessia Panella (coordinatrice AEGI commissione arte e cultura), ha avuto come oggetto la Stolen art e la Gurlitt collection.

Molte le occasioni di incontro dedicate ai galleristi questa prima edizione di Milano Gallery Weekend si è presentata alla città in una duplice veste. Una dedicata agli operatori, fornendo momenti di studio e di riflessione sul mercato dell’arte e il ruolo delle gallerie, l’altra destinata al pubblico che ha potuto accedere ad un programma artistico davvero degno di Milano, sempre più attiva anche in ambito culturale

spiega Pamela Campaner

Non sono mancati infatti i momenti culturali che si sono svolti in differenti luoghi milanesi. Après-coup Bistrot ha ospitato “Le ragioni invisibili”: letture curate e interpretate dall’attrice Lucia Ferrati, ispirate alle opere della mostra personale “Invisibili destini” dell’artista Roberto Rampinelli a cui è seguita una visita guidata della mostra presso la galleria con l’artista e la curatrice Sarah Lanzoni.

Presso la Basilica di San Celso nell’ambito del Festival di Milano Musica e in collaborazione con AGON, Pietro Pirelli e Gianpietro Grossi hanno installato la loro Arpa di Luce, che ha attraversato, con le sue corde luminose, la Basilica di San Celso.

arpa di luce in san celso

Anche il cibo è stato protagonista del Milano Gallery Weekend, Arte da Mangiare, Mangiare Arte Ristorante Superficiale ha allestito una mostra all’interno del ristorante proponendo per il pubblico un piatto d’artista  “Zucca vuota, come riempirla?” cena d’arte con performance.

Sabato 12 ottobre è stata anche la giornata del contemporaneo promossa da Amaci l’Associazione dei musei d’arte contemporanea italiani, 24 musei Amaci e 1.000 realtà in tutta Italia hanno aperto gratuitamente al pubblico i loro spazi inaugurando ufficialmente la stagione dell’arte contemporanea. E dal 7 al 13 ottobre, ambasciate, consolati e istituti italiani di cultura all’estero hanno partecipato alla Giornata del Contemporaneo promuovendo l’arte contemporanea italiana all’estero.

La formula del Gallery Weekend nasce a Berlino nel 2004 e sono 20 ad oggi i Gallery Weekend attivi nel mondo. Precisa Pamela Campaner. Esiste un coordinamento internazionale, nato a Barcellona presso la Talking Galleries.

La prima edizione milanese ha avuto un importante carattere internazionale grazie alla presenza nel programma di artisti stranieri come Sascha Brosamer, Hiva Alizadeh, Mikelle Standbridge, Hu Huiming e Michico Chiyoda.

Abbiamo inoltre avuto come ospite, Michal Novotny, uno tra i più giovani e affermati curatori in Europa, direttore della collezione di Arte moderna e contemporanea della Galleria Nazionale di Praga, grazie al Centro Ceco di Milano e al Console generale delle Repubblica Ceca a Milano Jiri Kudela.

Consolato del Peru Inaugurazione Milano Gallery Weekend

Un ringraziamento anche al Consolato generale del Perù e al Console Augusto Salamanca che ha invitato le gallerie del Milano Gallery Weekend a un simbolico passaggio di consegne con il Gallery Weekend di Lima che si era appena concluso e quello di Milano, in occasione dell’inaugurazione della mostra di Fotografia di Giorgio Galimberti “el senor de los milagros” curata da Paola Romano.

Milano Gallery Weekend

Milano Gallery Weekend ha avuto anche una presentazione internazionale, a Lugano il 19 settembre in occasione di un gala Dinner che si è svolto in concomitanza con Wopart, organizzata dal media partner Excellence Magazine, che continuerà a seguire l’iniziativa dando voce ai galleristi.

sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare