L’arte ai tempi della pandemia: Edward Hopper a Basilea

Category:

L’arte ai tempi della pandemia. La retrospettiva dedicata a Edward Hopper, in corso a Basilea, in Svizzera, è un buon esempio di come cambi la fruizione artistica per effetto delle misure di prevenzione dei contagi.

Ad ammirare le tele dell’artista nato negli Stati Uniti nel 1882 e padre del realismo americano, saranno ammesse solo 300 persone al giorno, “Poter vedere le opere di Edward Hopper è interessante sempre. Ma qui c’è una coincidenza, tra questi spazi vuoti, questi personaggi racchiusi nei suoi dipinti e la realtà. In effetti c’è qualche somiglianza”, dice una visitatrice della mostra.

Edward Hopper Basel Edward Hopper Basel

Una somiglianza casuale ma lo stesso simbolica. L’uso della luce e del colore allude a stati d’animo complessi che in una certa misura anticipano lo smarrimento che gli individui sono costretti a provare in questa fase storica. Ulf Küster, curatore della mostra: “La donna guarda fuori dalla finestra, vede qualcosa di affascinante, un pericolo sconosciuto. Ma forse non sta guardando fuori, forse sta solo guardando un muro o uno specchio, quindi sta guardando se stessa. In questo isolamento, in questa casa, è come intrappolata in se stessa e inizia a riflettere su se stessa”.

La mostra, al Museo della Fondazione Beleyer di Basilea, è stata prorogata fino alla fine di luglio

sponsored
Emanuela Zini
Emanuela Zini
My professional life has been marked by several big changes that made me grow as a person and as a leader, develop new skills and mental flexibility, which in turn allows me to face challenges from a different, unique perspective. To me, writing represent a way to communicate with myself and with others. Telling stories and engaging my readers are the challenges that I am currently facing within a wider editorial project.

Related Posts

Il World Protection Forum non si ferma!

Excellence Magazine Luxury e Kelony, First Risk-Rating Agency, continuano la loro collaborazione al fine di fornire strumenti e contenuti che possano essere un valido supporto per comprendere il vero significato di "rischio", tema quanto mai attuale per gli individui e per le imprese

Guangzhou Circle. Porta di Giada del Terzo Millennio

Progettato dall'architetto italiano Joseph di Pasquale, a sette anni dalla sua inaugurazione il Guangzhou Circle conserva tutta la propria natura iconica e il proprio carattere di landmark building, è entrato nell’immaginario collettivo e popolare della capitale della provincia del Guandong come uno dei simboli identitari della metropoli cinese, vera porta d’accesso meridionale al “regno di mezzo”, ma anche emblema nella dialettica tra Oriente e Occidente.

Constance Halaveli: premiato ai World Travel Award il resort di lusso sostenibile delle Maldive

La sostenibilità di questo resort parte dai materiali utilizzati per la sua realizzazione: tutti caratteristici della zona e con un basso impatto ambientale. Essere accolti e poter soggiornare in un vero “piccolo atollo privato” in mezzo all’Oceano è un lusso che non ci si può lasciar scappare